Parliamo di Liguria

 

Il Pigato d`Albenga, deve il suo nome o alla voce dialettale "pigau" (macchiettato) o addirittura dal latino "picatum", vino aromatizzato con pece dei tempi dei Romani. Sembra sia originario della Tessaglia (Grecia), giunge in Liguria verso il 1600.

 

 

E` coltivato soprattutto nella riviera ligure di Ponente, in provincia di Savona, nella Piana di Albenga e nella Valle dell`Arroscia. La sua zona d`elezione è comunque il Ponente ligure. Ha grappoli medi, abbastanza compatti, corti, a forma conica. I suoi acini sono medi con buccia di medio spessore, pruinosa, di color dorato-ambrato quando è ben esposta al sole. Maturazione completa a fine settembre, inizio ottobre. Colore: giallo paglierino più o meno intenso. Limpido.

Odore: ampio, intenso, più o meno persistente, fine, fruttato, con sentori di pesca ed albicocca mature, miele, salvia sclarea e, lievi, di fiori e muschio. Sapore: secco ma morbido, delicatamente caldo, sufficientemente fresco, sapido, pieno, continuo, con tipico e gradevole fondo amarognolo.

Tempo ottimale di consumo: entro un anno dalla data di vendemmia. Abbinamento gastronomico: insalata di ovoli e porcini, cipolle ripiene, tortino di porri, crespelle con funghi, zuppa di cipolle, paste fresche o secche al pesto: gnocchi, trofiette, lasagne, corzetti e trenette, risotto e paste con funghi, scampi al vapore con salsa allo scalogno, orata al forno con funghi e salvia e con altri piatti tipici della cucina ligure.

 

 

 

 

 

Il Rossese di Dolceacqua, da non confondere con il Rossese Riviera Ligure di Ponente (detto anche 'di Campochiesa') è un vino di colore rosso rubino, dal sapore sapido, morbido, fragrante e corposo e profumo intenso.

Il profumo è lieve, fragrante, fruttato e floreale; l'aroma ha inoltre forti richiami mediterranei, di macchia (timo, rosmarino, pino, elicriso...), di terra e di mare; se giustamente affinato si fa intenso e persistente, con sentori più complessi e articolati di rosa leggermente appassita, di frutti rossi, di spezie e altri profumi mediterranei che confermano lo strettissimo legame tra il mare e la terra, a specchio del territorio d'origine. La gamma aromatica è molto complessa e stratificata.

In bocca è poco tannico, di notevole ed elegante sapidità, con caratteristico fondo amarognolo. Nelle realizzazioni più semplici può avere struttura molto leggera, mentre le migliori selezioni esprimono medio volume e morbidezza in bocca unite a buona acidità e ad un tenore alcolico di livello. Particolarissima caratteristica è la sapidità estremamente accentuata che, unita alla buona acidità percepita, ne fanno un vino molto piacevole da bere.

Si serve piuttosto fresco, ad una temperatura tra i 16 e 18 gradi; alcuni amano berlo, soprattutto se giovane, anche più fresco.

Il calice dovrà essere di medie dimensioni con buona larghezza della pancia per permettere sufficiente ossigenazione del vino.

 

 

2019  Enoteca La Nicchia  IT02143180301  OPSolutions   Cookie Policy
Il presente sito utilizza i "cookie" per facilitare la navigazione. Continuando ne autorizzi l'uso. OK Ulteriori informazioni